IMG_4399.JPG

Se riforma Rai passa da canone in bolletta, azienda ferma ai tempi di Canzonissima.

“E’ impensabile ‎sovrapporre competenze caricando una tassa su una tariffa: sarebbe soltanto l’ennesima complicazione all’italiana che non risolve il problema.‎ La riscossione del canone legata al contratto della luce oltre a essere una vera e propria stortura, rappresenta anche un tipo di riforma che guarda al passato e non al futuro. A tal proposito presenteremo una mozione in Parlamento”.Così la capogruppo Ncd alla Camera, Nunzia De Girolamo.

[continua]


IMG_4429.JPG

DA SALVINI NIENTE FATTI, SOLO SLOGAN ALL’INFINITO

“A Salvini vorrei fare una sola domanda: in tanti anni al Parlamento europeo quali risultati è riuscito a portare a casa per gestire il fenomeno dell’immigrazione? Magari sarò io distratta o con poca memoria… ma non mi sembra di ricordare niente di così importante e risolutivo, a parte qualche slogan ripetuto all’infinito”.Lo dichiara in una nota la capogruppo Ncd alla Camera, Nunzia De Girolamo.

[continua]


image

NO AL CANONE IN BOLLETTA. ASSURDITA’ CUI CI OPPORREMO

L’introduzione del canone Rai nella bolletta della luce è un’assurdità e ci opporremo con forza. Non è pensabile che per recuperare i 650 milioni di euro derivanti dal mancato gettito si pensi a inserire una tassa, come lo è il canone Rai, in una tariffa”.Così la capogruppo Ncd alla Camera, Nunzia De Girolamo.
[continua]


IMG_1746.JPG

CON NCD AUMENTA FONDO NON AUTOSUFFICIENZA. DALLA PARTE DELLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’

“Stare dalla parte delle famiglie significa anche aiutare quelle che maggiormente soffrono perché vivono al proprio interno un dramma. Quello di avere un proprio caro non autosufficiente o affetto dalla Sla. Ed è proprio nel tentativo di alleviare le tante difficoltà che queste famiglie si trovano a vivere ogni giorno che, grazie alla determinazione e all’impegno del Nuovo Centrodestra, il Fondo per la non autosufficienza e per la Sla è aumentato fino a 400 milioni di euro”. Così in una nota la capogruppo Ncd alla Camera, Nunzia De Girolamo.

“Non è con una doccia gelata – conclude De Girolamo – che si risolvono i problemi dei malati.